domenica 29 gennaio 2017

Economia USA, i dati sul PIL sono modesti e il Dollar Index va in discesa

La settimana finanziaria si è chiusa con dei dati poco esaltanti per gli Stati Uniti, dove il report sul Prodotto interno lordo ha evidenziato un calo del 1,9% nell'ultimo trimestre del 2016. Si tratta di un dato inferiore rispetto alle attese (2,2%) nonché il peggiore dal 2011. E soprattutto si tratta di una rilevazione molto lontana dall'obiettivo fissato da Trump, quello della crescita al ritmo del 4% (l'ultima volta che accadde fu nel 2000).

Il report sull'economia USA

I dati poco incoraggianti hanno subito avuto dei riflessi sul dollaro, che si sta progressivamente indebolendo. Quando il tycoon venne eletto, il biglietto verde schizzò verso l'alto per via della aspettative riguardo la politica fiscale espansiva (taglio delle tasse e spese per infrastrutture).

Questa crescita del dollaro ha finito per danneggiare al tempo stesso la bilancia commerciale americana, tanto che nei giorni scorsi lo stesso Trump ha parlato apertamente di dollaro troppo forte. L'effetto è stato quello di provocare il ritracciamento della valuta USA. Secondo i dati della piattaforma Etoro, il Dollaro Index (DXY) infatti è in discesa da diversi giorni (puoi approfondire qui il discorso riguardo Etoro webtrader).

Tornando ai dati riguardanti il PIL, la componente positiva riguarda i consumi che sono cresciuti del 2,5%. L'aspetto negativo attiene invece alla bilancia commerciale, penalizzata come detto dal dollaro troppo forte. Il 30 dicembre il cross con l'euro secondo la piattaforma XTrade era pari molto vicino alla parità, a 1,05235 (vedi Xtrade opinioni). Le esportazioni sono scese del 4,3%, mentre le importazioni sono cresciute del 8,3%.

A preoccupare per l'immediato futuro è l'inflazione. Il Price index è salito nel quarto trimestre al ritmo del 2,2% su base annua, ovvero a dei livelli che non si vedevano dal 2012. Ciò è uno stimolo per la FED ad alzare i tassi, ma aggraverebbe proprio la pressione sulla bilancia commerciale.

Nessun commento:

Posta un commento